• Scritto da: Giancarlo Merlo
  • Pubblicato In: PSYCH-K ®
  • Data Pubblicazione: 2019-02-28
  • Hits: 1772
  • Commento: 0

Come trovare le convinzioni limitanti

"Non so quali siano le mie convinzioni limitanti!" Ho sentito che molte persone sono preoccupate all’idea di trovare un modo “giusto ed efficace” per capire quali sono le loro convinzioni limitanti. In realtà le paure sono ingiustificate: è infatti impossibile avere credenze limitanti e non saperlo, o meglio, non sentirlo. Per aiutarci ad eliminare queste paure, suggerisco questi semplici esempi su come identificare le convinzioni limitanti.

Ogni volta che hai un pensiero negativo unito a una forte sensazione negativa, hai la possibilità di individuare una convinzione limitante, quella convinzione limitante che in quel momento sta generando l’energia negativa dentro di te. 
Per identificare le tue convinzioni limitanti, quindi, è buona pratica annotare tutti i sentimenti negativi che senti dentro di te durante il giorno, prendendo anche nota delle sensazioni specifiche. 

Nel momento in cui si attiva un’emozione negativa, la reazione migliore è quella di neutralizzare l’energia negativa immediatamente, in modo che non cresca dentro di te. 

Come identificare quello che ti farà superare le credenze limitanti

Una serie di esempi possono aiutare in questa direzione.
1)    Ti sconvolge vedere qualcuno che  fa qualcosa di diverso da te. Cosa vuoi al posto di questo? Accettare i comportamenti degli altri? Essere tranquillo in presenza di chi si comporta diversamente da te? Essere indifferente e sempre centrato su te stesso in presenza di altri?
2)    Ti offendi facilmente. Come vorresti sentirti invece? Fidarti completamente di te stesso ed essere sicuro dei tuoi pensieri ed azioni? Oppure essere neutro nei confronti dei giudizi altrui?
3)    Ogni tua frase inizia con "Non penso ..." o "Non può funzionare ...". Quale atteggiamento supportante e positivo vorresti? Ti piacerebbe pensare in positivo o vedere le opportunità nelle difficoltà della vita? Magari sentire che un Universo benevolo ti accompagna sempre, soprattutto nelle avversità, ti aiuterebbe a sganciarti da questa abitudine?
4)    C’è qualcosa che non ti piace fortemente e lo esprimi con forte emozione negativa, ad esempio: "Odio il governo..". Qual è la realtà che vorresti al posto? Vivere in un mondo pieno di armonia e pace? Essere circondato da persone ed enti supportanti?
5)    Dici spesso agli altri ciò che pensi che dovrebbero fare. Ancora una volta…. Cosa vorresti dire, pensare o essere al posto di questo. Lasciar liberi tutti (e te stesso in primis!) di fare quello che vogliono? Confidare che c’è una perfezione anche nelle cose che non ti piacciono? Liberarti dalla necessità del controllo o la sicurezza che tutto sta andando per il meglio anche quando vedi che gli altri agiscono in modo differente da quanto faresti tu? Oppure essere neutro e curioso nei riguardi del comportamento degli altri?

Superare la necessità di identificare le convinzioni limitanti per poterle trasformare

Le emozioni negative portano sempre con se convinzioni limitanti, non possiamo di fatto sapere con precisione quante e quali davvero le stanno generando. La mente conscia ha comunque una capacità limitata rispetto al subconscio che è il vero “proprietario” ed elaboratore delle credenze. Senza dubbio talvolta abbiamo una idea conscia precisa di cosa sta generando una difficoltà, potrebbe essere il caso della paura a guidare che avete sviluppato dopo aver avuto un incidente o potete attribuire al comportamento di un genitore l’insicurezza in voi stessi. Ma in molti casi non abbiamo davvero consapevolezza di quello che sta dando vita alla emozione o alla reazione che vivete. In questo caso, a maggior ragione, non è assolutamente necessario affannarsi a identificare le credenze limitanti. Tutto ciò che servirà sarà individuare cosa vuoi al posto per sbloccare e trasformare quella condizione.

Vuoi imparare a modificare le tue convinzioni limitanti?

Guarda il video di Giancarlo Merlo:

Trascrizione del video:

Viviana: Ciao Giancarlo, vorrei farti una piccola intervista perché vogliamo proporre un po’ di spiegazioni di base per chi non conosce il metodo che aiuta a modificare le nostre credenze limitanti. Dare la possibilità sinteticamente di raccontarci un po di più su PSYCH-K. Quindi come prima domanda ti chiederei se ci spieghi qual è l'obiettivo globale di PSYCH-K.

L’obiettivo globale di PSYCH-K

Giancarlo: L’obbiettivo globale è quello di accelerare l'evoluzione individuale e collettiva, in particolar modo quella che chiamiamo l’evoluzione spirituale intesa quindi come evoluzione a tutto tondo. Con PSYCH-K lo si può fare allineando quelle che sono le conoscenze consce di saggezza millenarie, o ciò che troviamo scritto nelle tradizioni filosofiche e religiose di tutti i tempi. Allineare quindi questo patrimonio di conoscenze con il livello subconscio che è quello che di fatto crea tutti gli automatismi con cui noi viviamo.  Sostanzialmente è un processo che rappresenta un accelerazione di evoluzione attraverso un aumento di consapevolezza che tende a essere progressivo, crescente e che porta a una più profonda connessione con se stessi e con l’ambiente intorno a noi, ovviamente anche  con la Natura. Oltre a essere un processo di connessione consente di passare a quello che è poi il livello più alto probabilmente per noi in questa esperienza umana: l'autorealizzazione, per riuscire veramente ad esprimere profondamente noi stessi, realizzare noi stessi. Questo passa ovviamente anche tramite l’auto aiuto (modificando le nostre convinzioni limitanti) quindi questo strumento ha come obiettivo quello di aiutare noi e chi è intorno a noi ad avvalorare il dono più prezioso che ognuno di noi ha che, come qualcuno sostiene, è la nostra missione su questa terra, in questa dimensione e in questo corpo.

V: Bellissimo come obbiettivo, direi…  l'OBBIETTIVO!
G: Sì, e la gran, bella,  buona notizia è che lo fa in modo in realtà molto semplice, quindi tutto questo trova in PSYCH-K questo tipo di opportunità. Il suo obiettivo è quello di esprimere il meglio di noi stessi, degli altri e di essere in connessione. 

La Sindrome da Illusione di Separazione

V: Senti io volevo anche capire meglio una cosa. Ho sentito che Rob Williams, che è il creatore ti PSYCH-K,  parla spesso di utilizzare questo metodo come risposta per superare la Sindrome da Illusione di Separazione. E’ molto interessante, ti chiedo se ce la spieghi un po’ meglio.

G: Rob Williams è una delle molte persone che è allineata col concetto per cui noi  sostanzialmente siamo degli esseri di natura spirituale che stanno facendo un'esperienza umana. Questo ovviamente mette tutto insieme, collega sia la parte più energetica, spirituale sia la parte totalmente pratica quindi quella che poi di fatto è la nostra parte mentale, emozionale e fisica.  Bene… ogni livello di sofferenza che abbiamo dipende dalla separazione da questa nostra parte spirituale. Quindi la Sindrome da Illusione da Separazione come lui la chiama, è una sorta di piaga che ci fa vivere poi costantemente in difficoltà. Ogni volta che siamo veramente in connessione con noi stessi in realtà viviamo delle situazioni piacevoli di benessere e di pace. Questo è il suo concetto.

Le opportunità che offre PSYCH-K oggi

V: Ok grazie e quindi volendo riassumere quali sono le opportunità che può offrire PSYCH-K al giorno d'oggi cosa ci racconti?
Al giorno d'oggi è evidente, siamo arrivati a un punto in cui non possiamo più assolutamente permetterci di cambiare le nostre convinzioni limitanti in tempi lunghi sia per noi stessi sia ovviamente per come è  la situazione a livello globale. Quindi abbiamo bisogno di strumenti nuovi che siano al passo con i tempi. PSYCH-K è assolutamente uno di questi, usando quello che naturalmente noi abbiamo come opportunità che è l'utilizzo di quel processore, chiamiamolo così, estremamente rapido ed efficace che è il subconscio, che ha immagazzinato il nostro “programma” con el nostre convinzioni limitantri e potenzianti. Quindi l'opportunità è quella di riuscire a cavalcare questi tempi e affrontare le sfide che abbiamo per stare bene noi personalmente e  stare bene tutti insieme, in profonda connessione con la Natura  che sostanzialmente poi è la nostra più grande maestra. Questo è proprio un  livello di separazione forte che abbiamo vissuto ma che, guarda caso, molti stanno nuovamente e spontaneamente cercando con forza. PSYCH-K ci accompagna molto rapidamente in questo.
V: Perfetto ti ringrazio tanto per questa introduzione spero di averti presto con altri video di approfondimento!

 

Leggi anche Come riprogrammare il subconscio con PSYCH-K

Tag: PSYCH-K®

Lascia un commento