Una gravidanza felice con l'uso dei cristalli

I cristalli sono custodi della Terra, racchiudono in sé tutto il potere, la forza e la saggezza di miliardi anni. Sono il frutto e il risultato di processi naturali che si sono sviluppati in tempi lunghissimi, processi chimici che ai nostri occhi sembrano quasi magia perché guardandoli non si può non rimanere a bocca aperta tanta è la loro bellezza.  Tutto questo lavorio incessante di madre natura conferisce ai cristalli la natura di esseri viventi a tutti gli effetti. Essi hanno perciò un grande potere vibrazionale che si modula a seconda degli esseri viventi con cui vengono a contatto. E se questi esseri con cui entrano in contatto siamo noi, esseri umani, gli utilizzi e i benefici possono davvero essere molteplici e straordinari. I cristalli infatti, possono portare grande energia al corpo di un essere vivente, sia esso umano o animale. La loro carica è in grado di modificare la vibrazione energetica delle singole cellule e persino degli atomi di un corpo vivente. Per questo nasce l’uso dei cristalli. La qualità vibrazionale di un cristallo se usata in modo sapiente e corretto può impedire l’insorgere di eventuali patologia fisiche e psicologiche o semplicemente migliorare la qualità della nostra energia rendendoci più “puliti e splendenti”. I cristalli danno apertura e riequilibrio ai sette chakra presenti nel corpo dell’uomo; ogni cristallo opera su un diverso chakra e favorisce la rigenerazione e il miglioramento di alcuni organi. Il loro utilizzo è piuttosto vasto si va dall’utilizzo dei cristalli in meditazione o nelle regressione a vite precedenti fino ad arrivare al loro utilizzo in gravidanza e nel parto o anche nella risoluzione di problematiche legate alla sfera della fertilità. Ecco quindi che l’impiego dei cristalli in un ambito così delicato, come può essere quello dei nove mesi di gravidanza si rivela utile ed originale.

L’uso dei cristalli funziona… anche in gravidanza!

La gravidanza è un periodo molto bello per la donna ma spesso anche fonte di ansie, paure e stress legate alla vita del piccolo all’interno del pancione materno. Spesso si è sottoposte a tantissimi esami ogni mese e ad alcune può sembrare quasi di vivere la gravidanza come una sorta di malattia, poiché tante cose che prima sembravano essere del tutto naturali ora diventano più faticose. Se a questo si aggiunge che tanti cibi sono vietati, che magari per qualcuna potrebbe non essere così naturale avere confidenza con l’esserino che cresce nella pancia ecco che un momento che dovrebbe essere l’apoteosi dell’espressione della femminilità e della serenità, diventa in realtà un momento di grossa tensione e stress emotivo. In questi casi fare delle meditazione con il quarzo rosa poggiato sul quarto chakra, il chakra del cuore (che si trova esattamente dov’è il cuore fisico) può essere utilissimo. Prima di andare a letto la sera, si potrebbe fare una piccola meditazione poggiando un quarzo rosa sul chakra del cuore e uno sul pancione. Così facendo si instaura un ponte di collegamento energetico, un raggio di amore tra il cuore materno e quello del bambino. In questo modo cresce il contatto energetico amorevole prima con l’embrione e poi con il feto in utero. Oltre al quarzo rosa si può usare il cristallo di Amazzonite, un silicato verde che ha un effetto calmante, pertanto è un ottimo alleato in caso di insofferenza o nervosismo della donna incinta.

Cosa sono i chakra e dove si trovano nel corpo?

E’ molto importante per la donna poter continuare a fare la vita di sempre, anche se occorre prestare un pò più di attenzione per proteggere la nuova vita che cresce. E’ giusto che ad esempio si possa continuare ad usare il cellulare e il computer come prima, ma magari lo si fa con un pò più di timore per via delle radiazioni che si pensa possano far male al bambino. I cristalli vengono in aiuto anche in questo caso. E’ infatti possibile proteggere dalle radiazioni sia il bambino che la mamma, utilizzando una tormalina nera di medie dimensioni. Questa pietra assorbirà le radiazioni emesse dagli apparati tecnologici al posto nostro. In questo caso però sarà molto importante ripulirla frequentemente, semplicemente immergendola in una soluzione di acqua e sale o poggiandola su una drusa di ametista. I cristalli vengono in aiuto anche in caso di classici disturbi fisici che di frequente insorgono nei nove mesi di attesa, come ad esempio la cistite. In questi casi si può utilizzare una pietra di eliolotropio o diaspro sanguigno. Basta porre la pietra sull’addome proprio sopra la vescica. E’ consigliabile fissarla con un cerotto poiché va portata così per alcuni giorni. Altro disturbo piuttosto frequente è l’anemia gravidica. In questo caso si possono usare i cristalli di ematite da usare localmente e anche in elisir di gemme insieme al ferro tigrato e al granato.

Affidati ad una professionista nell’ uso dei cristalli in gravidanza

Come rendere il momento del parto positivo con i cristalli

Se i nove mesi di gravidanza sono sicuramente un periodo delicato e particolare, il momento più importante e toccante è quello del parto. E’ una grande prova per una donna, sia fisica che emotiva. La paura del dolore, di non essere capaci, di non essere all’altezza del compito di far venire alla luce il bambino è davvero forte e avere con sè qualcosa che dia coraggio e aiuti energeticamente la donna sarebbe l’ideale. Il diaspro, l’agata e la tormalina sono pietre che possono essere utilizzate nel parto. Mentre il calcedonio bianco insieme alla pietra di Luna favoriscono la montata lattea soprattutto nei casi di parto cesareo quando il latte è poco o stenta ad arrivare.

Uso dei cristalli e fertilità

I cristalli possono anche essere utilizzati in tutti quei problemi che riguardano la fertilità e possono essere d’aiuto nei casi in cui la tanto agognata gravidanza faccia difficoltà ad arrivare. Utilizzare la pietra della luna o adularia durante delle meditazioni da fare da sole o insieme al partner, semplicemente poggiando la pietra sul secondo chakra o assumendola come elisir di gemme cinque volte al giorno favorisce la fertilità. Mentre per le donne con aborti ricorrenti è importante l’uso di agata.

Questi sono solo alcuni piccoli consigli o indicazioni da poter seguire quando si aspetta un bambino. Certamente affidarsi a mani esperte in grado di utilizzare i cristalli in modo corretto e consapevole è sicuramente consigliabile e sicuro.

Prenota una seduta gratuita con Roberta Bencini per saperne di più sui cristalli

Tag:

Lascia un commento