Laura Tuan

Simbologia e magia

Laureata in lettere e diplomata in giapponese all’ISMEO di Milano, studiosa di religioni orientali e sanscrito, esperta di astrologia e tarocchi, ha un profondo interesse per le religioni antiche, le filosofie orientali, la simbologia, la medicina naturale e l’arte. Dal 1983 pubblica numerosi libri per Giovanni De Vecchi Editore e poi per Scarabeo, Giunti e Rizzoli, con la Collana i Libri di Astra. Ha tratto le sue conoscenze teoriche dai libri antichi e le ha integrate viaggiando nei luoghi carichi di energie misteriose. Ha curato rubriche radiofoniche, pubblica su varie riviste e giornali tra cui ricordiamo Io Donna, Oggi e Il Giornale. Tiene corsi e seminari online con Phedros.

Laura Tuan in poche parole si occupa di magia.  Parliamo di magia quando un evento fisico non può essere spiegato dalle leggi della fisica conosciute ed è quindi inspiegabile per la mente razionale. Ma è la nostra mente a creare la magia.

C’è magia e magia

Di magia ce n’è una sola, l’arte di padroneggiare la mente, dirigere il pensiero e proiettare la volontà. I sacri testi, però, si perdono in descrizioni, parlano di magia bianca quando si evocano le forze celesti e di magia nera quando in campo scendono i demoni o si operano fatture, scongiuri e malie, senza tener conto che il vero discrimine non è la tecnica ma l’intenzione. Si parla, poi, di alta magia o magia cerimoniale quando l’operazione, equiparabile a un dramma psicologico, procede attraverso una complessa ritualità, scandita da cerimonie di purificazione, consacrazione, evocazione di forze, alle quali si impone un ordine prima di congedarle. La cerimonia avviene in uno spazio sacro, il diagramma circolare, perché il cerchio è un simbolo protettivo, tassativamente in un luogo protetto, riservato, che fa le veci di un tempio. Oggi può essere una baita, uno scantinato, un tempo erano grotte, labirinti o manieri, basta pensare al magnifico Castel del Monte, in Puglia, voluto da Federico II, esperto di alchimia e arti magiche. C’è poi una forma di magia più bassa, la magia naturale, alla portata di tutti, o quasi, purché si abbia la sensibilità necessaria per cogliere le similitudini che collegano il cielo alla terra, le stelle ai cristalli, ai metalli, le piante, i profumi, gli animali. Accuratamente scelti, lavorati e magnetizzati con la volontà, ed ecco che l’ingrediente principale, la forza del pensiero, torna a calcare la scena, questi si trasformano in amuleti (dal latino amoliri, proteggere), strumenti protettivi contro malanni e guai o in talismani (dal greco telesma, cose sacre), vere e proprie armi magiche d’attacco, finalizzate a procurare l’amore, la salute, la fortuna.

Le leggi magiche

Presupposto irrinunciabile per comprendere ed eventualmente fare magia, cioè la base del pensiero magico: essere disposti a credere nell’esistenza dell’invisibile, piani di esistenza immateriali e di entità (come spiriti, angeli), capaci di comprendere e agire anche se privi di corpo fisico. In una parola: credere alla realtà dell’invisibile, perché materia e spirito sono le due facce della stessa medaglia, l’energia. Quale potrebbe essere il segreto di mago Merlino? Semplice: smontare l’universo, selezionare la natura pezzo per pezzo, fino a scoprirne le leggi segrete. La prima, più importante, è anche il primo dei sette principi ermetici tramandati da Ermete Trismegisto nella famosa tavola di smeraldo: l’universo è il mentale, vale a dire che il pensiero guidato dalla volontà ha una forza che non immaginiamo neppure, esso può creare o distruggere, armonizzare o perturbare. Seguono: “il simile produce il simile”, ciò significa che basta agire su un modello, imitazione della realtà per produrne una uguale. C’è poi la legge magica del contatto, persone o cose contigue permettono un passaggio di energia, perciò basta avvicinarle per creare un legame. E ancora: “basta una particella per rappresentare e ricreare l’intero”, ecco perché la famigerata bambolina di cera, battezzata, attivata come una controfigura della persona, deve sempre contenere il cosiddetto testimone, un capello, frammento di unghia o una goccia di sangue e secondo il pensiero magico è il più potente dei fluidi e racchiude in sé l’essenza della vita.

I libri di Laura Tuan:

Edizioni De Vecchi:
Guida ai Chakra - I centri della forza vitale
Sogni - Dizionario Illustrato
I tarocchi del 2012- Le carte divinatorie dei maya per leggere il nostro futuro.
I segreti tibetani di gioventù e vitalità
Comprendere e praticare - Il viaggio astrale
Corso di astrologia cinese
Chiromanzia-L’antica arte di leggere il futuro sulla mano
Il linguaggio segreto dei tarocchi
I Tarocchi celtici-Significato, interpretazione, poteri divinatori
Le carte divinatorie dei sogni
Che nome dare al tuo bambino-La storia e l'influenza del nome sulla personalità
Scoprite i vostri poteri paranormali
Enciclopedie dell'occultismo
Il grande libro della cartomanzia
I tarocchi egiziani

Edizioni Astra:
L'oracolo delle dieci sibille
Le carte del mistero
Agenda di Astra 

Edizioni De Vecchi/Edizioni Astra:
Telepatia, chiaroveggenza, precognizione

Edizioni Lo Scarabeo:
I Tarocchi dei Pellerossa
Karma Oracle-Dottrine del buddismo e dell'induismo 
I tarocchi floreali
Cristalli-Gocce di luce colorata per il benessere e l'equilibrio
Rune-Alfabeto magico degli Dei
Witchy Tarot
I Tarocchi della strega moderna
Voci degli Angeli
La lettura dei buzios

Edizioni Astra/Edizioni Lo Scarabeo/Edizioni Scarabeo:
Monografie: Acquario, Ariete, Gemelli

 

Attiva a Milano e ovunque nel mondo via telefono

su appuntamento tramite Phedros

via telefono

Lingue Parlate : Italiano, inglese

Modulo di Contatto