• Scritto da: Viviana Bertoglio
  • Pubblicato In: Missione nella vita
  • Data Pubblicazione: 0000-00-00
  • Hits: 165
  • Commento: 0

Missione nella vita: cercare un sogno d'amore speciale. L'esempio di Micol

Una serie di video di lettura del tema natale per individuare e descrivere lo scopo che l’anima ha stabilito in questa vita.

Leggi di più sul destino, libero arbitrio e legge di attrazione qui

Vediamo qui l’esempio di Micol, che ha la missione di scoprire l’altro e i suoi bisogni

Guarda il video qui:

Ciao Micol, buongiorno. Micol: “ciao buongiorno” Che bello vederti qui in questa breve lettura sulla tua missione della vita, speriamo che non sia brevissima insomma abbiamo una ventina di minuti quindi spero di darti delle indicazioni che ti possono servire.

Tu chiaramente puoi sempre fermarmi e dirmi non è proprio così, chiarire o darmi qualche esempio di cose vissute, come vuoi tu, non è che devo parlare io da sola.

Io vedo la tua missione nel tuo tema natale, non ti conosco, non so esattamente chi sei, solo mi hai dato una piccola informazione, che fai teatro ma non so nulla della tua vita e quindi ora provo un attimo a vederla, do’ solo un'occhiatina qui a questi dati che ho calcolato col computer per delle indicazioni.

La missione nella vita

Cara Micol, quando parlo di missione nella vita, chiaramente intendo una scelta che l'anima che fa prima di venire sulla terra ed è qualcosa che riguarda un compito, un'energia da integrare in questa vita che fa parte di un progetto più ampio che tutta la vita della nostra anima, che va al di là di questa e ci sono già dei percorsi fatti, dei talenti acquisiti, delle qualità che sono già dentro di noi grazie a ciò che la nostra anima ha già fatto, prima di questa vita o in parallelo.

Ci sono delle specifiche qualità energetiche anche delle esperienze che ha deciso di vivere in questa vita, perché sono evolutive, noi andiamo un po' a fare questo discorso, ci andiamo a vedere da dove vieni e dove stai andando, che sono le grandi domande... poi è chiaro che non è una risposta razionale, precisa, perfetta, con tutti i dettagli, ma è un'idea, un'indicazione energetica che può darti già un buon elemento per fare le scelte giuste.

Sai che non sono deterministica quindi non è che ti voglio dire questo è il tuo destino e solo quello, e fai quello e basta, ma è un'indicazione importante dove c'è anche tanto il libero arbitrio, però sapere cosa ci fa bene e cosa ci fa male, perché la nostra anima la vuole questo e non quest'altro è molto importante, ci aiuta già molto.

Allora, tu hai un passato di vite e di talenti in cui hai vissuto già in ambiti internazionali quindi dove ti sei confrontata con culture diverse dove dentro di te anche già da piccolina per te il mondo era un paese, non avevi la sensazione di dover valicare frontiere per guardare cosa c'era di là, lo sentivi già tutto tuo, il tuo sguardo è già molto allargato fin da sempre, perché hai fatto già tante esperienze in questo senso.

Ma l'energia che hai vissuto prevalentemente è quella di avere una visione del mondo, ma con un'energia di una persona che ha un ruolo nel mondo che potrebbe essere anche un ruolo di tipo familiare, per esempio potresti essere stata la moglie di qualcuno, di un diplomatico, di qualcuno che ti faceva viaggiare, oppure aver avuto un incarico di famiglia, quindi un ruolo possiamo dire più che meritato conquistato, era un ruolo che ti arrivava dall'appartenere a un gruppo familiare o a un gruppo sociale, o a un'appartenenza di una nazione anche non necessariamente piccola.

In questa vita hai deciso di fare uno sforzo per imparare invece cosa significa andare in una direzione geograficamente più ristretta, cioè non c'è bisogno di avere come palcoscenico il mondo ma basta avere un palcoscenico e arrivarci solo con le tue forze cioè non avere nessuno che ti appoggia e nessuno che dice: quella lì è la figlia del grande regista, quella lì è la figlia di, la moglie di... e quindi bisogna farla lavorare.

Tema natale e missione nella vita: interpretazione online con Viviana Q. Bertoglio

Per cui hai dovuto conquistarti la vita, perché l'anima vuole imparare cosa significa aprirsi non tanto geograficamente alle culture diverse ma aprirsi a essere una persona inizialmente uguale a tutti gli altri, capire cosa vuol dire siamo tutti uguali in un mondo in cui siamo tutti diversi e quello che ci accomuna chiaramente è a un livello superiore a un livello più alto, quello di essere tutti anime in cammino in questo mondo, quindi di appartenere ed essere figli dello stesso universo.

Il percorso

C'è qualcosa d’altro che ci accomuna, le differenze possono essere in qualche modo non considerate, per cui il tuo percorso è un percorso che dice “io voglio capire cosa accomuna gli uomini, io voglio imparare qualcosa che ci fa sentire tutti i fratelli, tutti uniti, tutti internazionalmente uguali di fronte a un universo magico e grande”.

Voglio imparare a smettere un atteggiamento automatico che si è creato in me che è quello di valutare le persone in base alla loro appartenenza al loro ruolo, a dare peso a chi conta per potere, per famiglia, per appartenenza, per visione politica, per questo e per quello, alla squadra di calcio nota.

Non credo che tu sia una tifosa di calcio, però le squadre di calcio sono un esempio tipico di quando noi siamo uniti da un ideale che ci fa sentire separati da un altro, per esempio io sono juventina ce l'ho con gli interisti, se io sono italiana ce l'ho con non so chi perché gli italiani non ce l'hanno con nessuno.

Si sono francese ce l'ho con gli inglesi e si sono italiana forse non so con chi ce l'ho, veramente da italiana non saprei con chi gli italiani ce l'hanno però in ogni caso c'è sempre la squadra opposta.

Tu, invece hai deciso di imparare che non esiste una squadra opposta che siamo tutti nella stessa squadra e quindi c'è da fare un lavoro per te, di capire cosa significa essere nella stessa squadra, che non è facilissimo, perché c'è comunque da scrollarti di dosso questo atteggiamento, “ma insomma, io appartengo a una certa classe sociale, io appartengo una certa famiglia”, io appartengo a qualcosa che in qualche modo mi dà un titolo, oppure io ho studiato, io ho studiato una certa materia, io sono preparata, io ho il diploma.

Tutti questi attaccamenti all'immagine istituzionale, cioè io ho un ruolo e me lo sono conquistato.

Quello che mi piace, il mio ruolo, va dimenticato, l'idea è: io sono un essere umano come tutti gli altri, (se vuoi andare nella direzione del tuo destino) io ho un talento specifico, (e ce l'ho) che salgo su un palco e faccio faville, mi hai detto che fai teatro...

Quel talento non ti viene tolto deve essere valorizzato, però devo trovare un modo diverso di essere internazionale, non faccio l'attrice che gira il mondo in tournée, vado in un ambiente più ristretto, più familiare, più piccolo ma imparo e porto il messaggio che siamo tutti uguali già si fosse un messaggio che tu porti, sarebbe molto importante.

Micol: “si è solo un hobby a livello amatoriale, non assolutamente, non è ciò che sono, ciò che faccio o altro” e va bene perché comunque è una capacità che hai quella del teatro, perché c'è nel tuo passato essere sul palco, essere capace di essere presente, è anche un bel talento.

Tu ti presenti e la tua pazienza si vede, si sente, quindi non sei una che sta dietro le quinte una che si nasconde, non è che il tuo percorso voglia dire che devi andar dietro le quinte ma che non è più necessario questo riconoscimento della tua autorità e della tua presenza, ma che tu ti senti piena anche se sei in un gruppo dove non c'è nessuno che emerge, devi andare verso l'anarchia non so come dire verso le comunità in cui tutti sono importanti e non c'è gerarchia.

Una delle tue grandi battaglie è anche quella con l'autorità, nel senso che l'autorità imposta ti fa impazzire, perché tu ti senti l'autorità tu dici, io sono la mia autorità, tu cosa vuoi dirmi, cosa devo fare, lo so benissimo io...

L'energia dell’ acquario

Dall'altra parte siccome devi vivere questa energia aquario che è l'energia di chi si oppone alla autorità, di chi pensa che il mondo dev'essere libero che nessuno deve comandare su nessun altro l'anarchia totale è come un'ombra.

Non è veramente tutto tuo per cui, in qualche modo lo vivi come un peso questo sentirti parte del popolo tra virgolette, che viene, se vuoi tartassato dall'autorità, perché ti viene fuori in una maniera negativa, in una maniera dove ti verrebbe voglia di fare la rivoluzione, di mandarli tutti giù, di fare un patatrac totale, di eliminarli dalla faccia della terra.

Invece l'idea e raggiungere questo tipo di energia in maniera un pochino più alta, cioè non con la distruzione del mondo di chi comanda ma con l'esempio, che siamo tutti uguali, e che non c'è bisogno di fare per niente gli autoritari ma che le autorità hanno qualcosa di interiore un qualcosa che che possiamo sperimentare a uno a uno.

Nodi lunari e karma

Può essere più autoritario un pescatore che ha raggiunto la sua capacità di connessione totale, che dice delle cose molto sagge, che un presidente di qualche paese che dice da grandi scemenze, che è un po' quello che stiamo vedendo anche a livello mondiale, questo tipo di ridicolizzare se vuoi anche certe persone per un modo che hanno di porre l'autorità che non ha più senso.

La gente non ha più voglia di ascoltare siamo in questo periodo, siamo nella cosiddetta era dell'acquario, (c'è chi dice agli inizi c'è chi dice che deve ancora iniziare) l'era in cui l'autorità sparisce e viene fuori invece la libertà ma quella vera, quella interiore, non quella che fa le bombe molotov e va a distruggere luoghi e poteri.

La libertà

Per te la libertà interiore è la tua massima missione, che la ottieni ovunque... anche la liberazione dal doverla raggiungere in un luogo, in un posto è una libertà che ottieni ovunque, ricordati Nelson Mandela quando disse “io ho capito cos'era la libertà quando sono stato dieci anni in prigione” stando in prigione lui ha capito cos'era la libertà.

Non, perché sognava di uscire di prigione, perché l'ha trovata in prigione, è diverso. Trovare questa libertà interiore, libertà dalle critiche, dai condizionamenti, dal giudizio, libertà...

Questa può essere realizzata più facilmente in un ambiente privato, per te non è tanto la ricerca del successo l'obiettivo ma la ricerca di una vita privata, sana, che ti fa stare bene.

Se tu ti realizzi nella vita privata sei nella tua direzione, vuol dire famiglia, figli oppure amici ma comunque anche famiglia dove non necessariamente sia la famiglia tradizionale, può essere anche una famiglia libera, visto che siamo nel tema della libertà, però dove hai un tuo nucleo familiare.

Può essere fatta anche di persone con cui non ai legami di sangue che anzi l'acquario è proprio questo, cioè io sono sorella di persone che non sono mie sorelle di sangue, io sono moglie di un marito che non mi ha sposato ci può essere anche questo tipo, perché c'è un distacco dalle istituzioni che è importante per te per cui non ci deve essere il timbro di qualcuno, una cosa veramente libera e io sto con quest'uomo perché ci amiamo ma non, perché mi ha promesso che sarà con me tutta la vita.

Nodi lunari e missione della vita

Questo è il percorso, capire l'amore vero, che non è quello di avere il timbro o la cerimonia che lo ufficializza, c'è ufficializzazione tutto lasciato, la libertà... io sto con te, ti amo perché oggi ti amo, più di ieri meno di domani ti amerò più di oggi però non mi chiede di metterlo su un contratto devi crederci, non devi chiedermi di scriverlo, non devi dirmi che devo impegnarmi, niente.

Deve essere qualcosa che viene veramente spontaneamente dal cuore ogni giorno, quando tu sei su questo percorso, tutto il resto va a posto ora ti chiedo di aiutarmi, cos'è che può essere un tuo cruccio, una tua domanda, un qualcosa su cui vuoi capire come applicare questo concetto di missione perché è molto vasto.

Micol: “sicuramente dal punto di vista affettivo, perché sempre stata una difficoltà mia, (non a relazionarmi con le persone) incontrare una persona che sia giusta per me, ecco è quello è molto molto difficoltoso nella mia vita” allora io sinceramente ti dico che non c'è nessun veto del destino che tu debba vivere relazioni difficili, cioè non c'è qualcosa di passaggio obbligato attraverso la difficoltà nelle relazioni che io vedo qua Micol: “neanche nella solitudine? Quello mi mi preoccupa”

No neanche la solitudine, il tema secondo me, potrebbe essere... dove vivi adesso? Micol: “a Trieste” dove sei nata, potrebbe essere... non hai mai fatto figli, non sei mai stata sposata? Micol: “no” ecco questo è molto strano perché la direzione va lì.

Micol: “avrei voluto” ma non ti preoccupare adesso vediamo, io ti dico solo di questo amico che ho, che alla veneranda età di 68 anni, ha fatto due figli andando nella direzione del suo destino a questa età e da lì tutta la sua vita è diventata felicissima.

Non ci sono mai limiti alla provvidenza, ce ne accorgiamo tardi, probabilmente c'è qualcosa nel tuo destino che ti dice, vai verso la vita privata, verso la costruzione di famiglia, figli o può essere una creatività privata e anche una creatività nel senso che la creatività non è soltanto fare figli.

Integrare l’energia opposta

E' possibile che ci sia in te una difficoltà nell'integrare questa energia acquario perché può darsi che non sia sufficientemente compresa o sufficientemente applicata, e allora ti chiedo, se vuoi non rispondere perché stiamo entrando in temi personali, io ti faccio le domande e tu sai la risposta...

Non è che magari nelle relazioni troppo presto chiedevi il legame matrimoniale o comunque tendevi a volere nero su bianco che ti sarebbe sareste amati tutta la vita? non è che magari chiedevi facciamo dei figli, perché avevi il sogno della casetta felice del matrimonio che è un po' troppo mulino bianco invece di pensare a un amore diverso? un amore aperto, libero, dove ci si sceglie ogni giorno... di cui parlavamo prima.

Se tu vuoi andare in quella direzione, il lavoro vero è aprirsi all'amore che dà senza chiedere niente in cambio, perché l'amore dell'acquario (l'acquario è un segno apparentemente freddo) in realtà, è un amore di qualcuno che ha vissuto tutte le sofferenze e le ha trascese.

Non ha più bisogno della carezza, del bacetto e non ha neanche bisogno del contratto matrimoniale per sentirsi amato, perché sa che l'amore è qualcosa che va al di sopra di tutto ciò, che queste sono delle cose terrene, che non hanno importanza sul piano dell'anima.

L'amore sul piano dell'anima è la totale accettazione della persona così com'è senza volerla cambiare,  e c'è un apprendimento per te di che cos'è questo amore, libero, incondizionato, libero da condizionamenti sociali, da tutto quello che rientra nella morale comune.

Nodo lunare nelle case e nei segni zodiacali: esercizi

A questo punto (non parlo di tradimenti e qui non siamo nel tema dei tradimenti di queste cose qua) siamo nel tema di fare l'opposto della famiglia tradizionale, tenere una famiglia assolutamente anticonvenzionale, quindi con qualcuno di straniero ti aiuterebbe molto, un marito che non è della stessa origine.

Perché è vero che ti ho detto sembra un po' un'antitesi che vieni da un mondo internazionale e devi andare verso la vita privata però, dal punto di vista dell'energia se lui non è il classico inquadrato marito che viene dalle tue parti è meglio,  qualcuno che viene da lontano anche da paesi freddi.

Buone notizie per Micol

La buona notizia è che ora c’è (qui vado un po' oltre questo discorso) un passaggio molto importante di Saturno e Giove che entrano nel segno dell'acquario e si congiungono proprio vicino al tuo nodo lunare, il simbolo della tua missione quindi forse tutto quello che non è successo in una vita, potrebbe realizzarsi, questa è la buona notizia.

Io non faccio previsioni che trovi il principe azzurro che ti porta e fa tutto lui, devi essere tu che hai capito bene cosa fare, cosa vuol dire, dove hai sbagliato nelle relazioni precedenti e che capisci qual è il modo giusto di amare il prossimo che arriva e lasciarlo libero.

Non chiedere, dai amore senza chiederlo, sii capace di ricevere anche se ti sembra poco quello che arriva, e costruisci l'amore sulla base di darlo, mettendoti in qualche modo (non dico al servizio dell'uomo, che sembra una roba da medioevo) ma mettendoti nella posizione di chi sa che nella coppia o nel rapporto d'amore siamo qui per imparare, per dare non per chiedere.

Fare capricci e dire io pretendo questo e quello non funziona, perché nel momento in cui pretendiamo questo e quello, siamo fuori da un tema spirituale siamo nell'ego che vuole l'amore, che quando siamo lì (soprattutto nel tuo caso che chiede questo passaggio verso la spiritualità) le cose non funzionano mai.

L'idea è proprio quella di dire “io non chiedo niente io sono qui per dare” che non significa fare la servetta dell'uomo, vuol dire essere libera nella relazione, vuol dire anche io ti amo, tu fai quello che vuoi e vuol dire anche io faccio quello voglio, perché sono libera quindi trovare una libertà interiore che ti consente di essere libera nella relazione, non è facilissimo.

Io ho il percorso esattamente opposto e per me queste cose che dico invece sono state la mia difficoltà iniziale: la ricerca della libertà totale. Io pensavo che non mi sarei mai sposata, ma poi ho capito il matrimonio, che ci voleva il pezzo di carta per me, per avere invece l'opposto di te.

Per me invece la dimostrazione che avevo integrato un'energia diversa è stata quando mi sono rilassata e ho capito che il matrimonio era la strada giusta per me, però conosco molto bene cosa vuol dire voler l'amore completamente libero dove non te ne frega niente di quali titolo abbia la persona, che sia scritto da qualche parte, perché se è amore è amore.

L’amore libero e un sogno d’amore speciale

Per te invece è l'opposto, lasciar perdere tutti i titoli e le garanzie e le sicurezze che ti può dare un uomo e puntare esclusivamente sulla libertà, ma guarda che se lo fai, poi ti arriva anche tutto il resto non è che vuol dire che devi vivere miseria o che ti trovi un uomo che non c'è mai perché lo lasci libero e allora va sempre in giro e non si occupa di te, è proprio la dimostrazione “io non ho paura di questo”, nel momento in cui tu dichiari che non hai paura di questo e sei disposta accettarla, che per te il benessere dell'altro è più importante, e anche il tuo.

Il benessere vostro, che non è collegato alle esigenze dell'ego di basso livello lo dimostri in qualche gesto che magari ti costa fatica, ma una volta che l'hai fatto poi dopo le cose vanno a posto, si tratta proprio di tenere a bada certe pulsioni, perché quando subentrano gli automatismi come “ io sono una donna che ha tanto valore, voglio il matrimonio con la Bentley e i fiori d'arancio”... questo purtroppo non va bene.

Vorrebbe dire tornare indietro e non aver capito che invece per te non c'è bisogno di quello.

Non cercare il sogno normale, cerca un sogno speciale che può essere bellissimo perché il sogno di un amore che non ha confini che non ha routine, non cade nella noia, c'è sempre qualcosa che lo rivitalizza, un sogno di un amore che è solo amore e non è perché mi ha comprato la pelliccia o la macchina, quindi inseguilo questo sogno perché arriva.

Fammi sapere cosa succede da gennaio in poi, perché lì qualcosa di grosso ti deve succedere e anzi se vuoi sapere cos'è prova a capire cosa è successo nel (questo sarà più forte, però l'esempio ce l'ho) ‘91, ‘92 non dire nulla ora, riguarda la tua vita in quegli anni, hai avuto sicuramente un'opportunità che magari non eri matura per far maturare come si deve, però è lì che hai appreso già un'indicazione di cosa poteva essere. Micol: “amorosa?” dal 91, non è stato amorosa è stata di altro tipo.

Segui il corso completo per manifestare i tuoi desideri su Youtube, abbonati qui

 

 

 

Loggati o Registrati per lasciare un commento