• Scritto da: Giusy Vesperini
  • Pubblicato In: Karma e Destino
  • Data Pubblicazione: 2020-01-18
  • Hits: 862
  • Commento: 0

Legame karmico di Plutone: come riconoscerlo

Plutone è uno dei pianeti più enigmatici tra tutti quelli appartenenti al sistema solare. Viene normalmente associato alla manipolazione e alla trasformazione. E’ il pianeta governatore del segno dello Scorpione pertanto è anche associato a emotività estrema e profonda.

Non è facile dare una definizione corretta di legame karmico collegato a Plutone proprio per l’insondabilità di questo pianeta, tuttavia possiamo dire che si tratta di relazioni profondamente trasformative per gli individui coinvolti.

Anche in questo caso, come insegna Stephen Arroyo, ll legame è karmico si evidenza quando ci sono aspetti di congiunzione, trigono, opposizione o quadratura tra uno dei pianeti personali (o l’Ascendente) e Plutone delle due persone coinvolte nella relazione.  Dato che Plutone è molto lento, l’aspetto tra i pianeti in questo caso deve essere molto preciso, con un’orbita massima di un grado.

Come riconoscere un legame karmico di Plutone

I legami karmici collegati a Plutone, sono solitamente i più difficili e dolorosi da vivere per entrambi i partner.

Sono relazioni in cui la persona Plutone ha un grandissimo potere sulla persona il cui pianeta personale o Ascendente è coinvolto nell’aspetto di comparazione.

La persona Plutone può riuscire a demolire e degradare completamente l’altra persona, poiché il suo potere di manipolazione è davvero molto forte. D’altro canto può verificarsi l’esatto contrario, ossia che la persona Plutone riesca a trasformare profondamente e intensamente l’altro permettendogli di raggiungere una totale e determinata crescita spirituale in positivo.

Per far sì che questa seconda opzione si realizzi però, è necessario che la persona Plutone abbia un grande livello di consapevolezza personale e che sia sufficientemente elevato a livello spirituale. Se viene meno questo presupposto la persona che mette il  pianeta personale o il suo Ascendente in aspetto con Plutone può essere plagiata in modo sfavorevole.

La persona il cui pianeta personale o Ascendente è coinvolto nell’aspetto può provare una sorta di magnetismo nei confronti della persona Plutone, quasi una come fosse una dipendenza. Per questo può alternare momenti in cui si lascia assorbire dalla persona Plutone, a momenti in cui si allontana perché sente troppo il peso di questa attrazione fatale.

“Non posso vivere senza di lui/lei, ma non riesco a vivere con lui/lei”

“Non capisco perché ha così tanto potere su di me”

“Non so perché ma non riesco a staccarmi da lui/lei nonostante sia consapevole che mi fa solo soffrire”.

Queste sono alcune frasi che chi si trova coinvolto in un legame karmico collegato a Plutone, può dire o aver detto.

Vuoi conoscere il karma del tuo destino? Leggi qui

Il legame karmico di Plutone di quali vite precedenti ci parla?

Prima di affrontare l’argomento vite precedenti è bene fare un’importante precisazione.

Quando si vanno a interpretare gli aspetti di Plutone in una sinastria (comparazione di due temi natali) è bene essere prudenti poiché questo pianeta è uno dei più lenti del sistema solare. Impiega circa 248 anni per compiere un giro completo intorno al Sole.

Cosa vuol dire questo? Che tutte le persone nate a pochi anni di distanza avranno Plutone nella stessa posizione e di conseguenza anche gli aspetti che Plutone fa con i pianeti personali saranno gli stessi per milioni di individui nel mondo.

Questo sta a significare che io avrò quello stesso tipo di relazione con milioni di persone? Sicuramente no. Vuol dire che la tensione rappresentata da quel determinato aspetto nella mia carta si attiva con tutte le persone della mia stessa generazione, ma che il problema non lo creano gli altri ma io.

A livello di sinastria, quindi si prendono in considerazione gli aspetti tra Plutone e i pianeti personali o Ascendente soprattutto quando si tratta di due persone appartenenti a generazioni diverse.

Calcola il tuo legame karmico!

Quando invece si tratta di due persone appartenenti alla stessa generazione, si definisce un legame karmico di Plutone quando tra i due temi natali comparati si attivano aspetti forti in ottava casa.

Fatta questa dovuta precisazione andiamo a vedere di quali rapporti in vite ci precedenti, ci parla un legame karmico collegato a Plutone.

La caratteristica dominante che mette in evidenza questo tipo di relazione è l’appartenenza totale tra le due persone.

Probabilmente nelle vite precedenti potrebbe esserci stato un rapporto madre-bambino o ancora un rapporto tra due “amanti”. Potrebbe anche trattarsi di relazioni marito-moglie o padrone-schiavo.

Sembra quindi che le persone abbiano vissute nelle vite precedenti un attaccamento quasi morboso, tanto da rendere confuse le proprie identità.

 Una tale forma di assorbimento ha molto probabilmente generato una dipendenza reciproca sfociata in un eccesso di manipolazione.

Come trasformare il karma di Plutone in un legame karmico consapevole?

La lezione da imparare quando si incappa in questo tipo di relazioni è quello di riuscire a essere indipendenti.

Le persone che si trovano o si sono trovate all’interno di un legame karmico di Plutone hanno la necessità di imparare a vivere staccandosi dalla dipendenza totale con l’altro.

Si deve riuscire a essere in grado di lasciare che l’altro cresca e sia semplicemente come vuole, nei modi e nei tempo che ritiene più opportuni.  Non si possono porre interventi coercitivi in tal senso da parte di nessuna delle due persone coinvolte.

Il partner deve poter esser lasciato libero di fare il proprio percorso, senza che l’altro si intrometta con azioni o pensieri che mirano a far sì che l’altro faccia quello ciò che si vuole o vorrebbe.

Sicuramente non è facile quando in vite precedenti c’era una così forte fusione tra le due persone. Tuttavia è bene risolvere il karma per essere finalmente liberi di vivere la propria vita.

Se vuoi approfondire il legame karmico con la persona che ami prova il nostro nuovo servizio!

Lascia un commento